mercoledì 20 giugno 2012

La conca del tempo, di Elio Lanteri. Prefazione di Bruno Quaranta. Postfazione di Marino Magliani (Transeuropa). Intervento di Nunzio Festa


Gli intellettuali appartati esistono ancora. Ma uno dei maggiori è scomparso nel 2010, e si chiamava Elio Lanteri. Scrittore di suo, potremmo dire, oltre che grande lettore per esempio di Char e Lorca, Lanteri nel suo ora postumo "La conca del tempo" ci spiega, tramite sempre Damìn, il Ponente ligure che s'affaccia negli occhi dei fenicotteri, nelle orecchie del macaone, nella solidità liquida del Calvados - sempre e ovunque amico presente. Persone nel paesaggio. E, meglio, un paesaggio di persone; oltre che descrizioni personalizzate, persino. Il lirismo di questa breve e flautata opera letteraria, inoltre, s'assume il compito di scoprire che la natura si vince con la natura: il mistero dell'acqua non può che esser salutato da quattro giovani lavoranti e invaghiti di Liguria e Marsiglia. Dal fine settembre che riaccoglie i fenicotteri, alle chiacchierate d'un Bellagioia e d'una Rosy. Il mistero più grande, però, sta nella memoria: nel ricordo per l'esattezza. Perché Lanteri fa scorrere l'acqua dolce dell'infanzia che si fa futuro insieme a piccoli progretti di vita e discorsi ancor più piccoli ma evidentemente superiori alla monotonia monologante del nulla di vagheggiamenti contro-natura. Vedrete, come dire, non ridurre o ridursi tutto e il tutto alla passione per il calcio e similari. La commossa e pure questa lirica assai introduzione firmata da Quaranta, poi, che è impostata e strutturata all'esatto contrario del contributo scritto del Magliani, afferma tutti gli altri concetti di conterraneità e anti-sensazionalismo utili alla letteratuta di Lanteri. Premio Biamonti, ricordiamo, all'anno della sua morte. E che scompare lasciando l'altra magnificienza "La ballata della piccola piazza", pubblicato sempre dai massesi di Transeuropa. I vari Rovelli, Vaccari eccetera che, sostenuti proprio dallo scrittore Marino Magliani, e non lo diciamo per puntiglio di 'tecnica' editoriale, hanno giustamente deciso di rimettere in vita la scrittura spiritante e quasi fiabesca ma dannatamente perentoria coi luoghi dell'Elio Lanteri accolto nella giusta e appropriata quanto adeguata al testo "Narratori delle riserve". Mentre, diciamo, sarà un caso, è da poco tornato in libreria il romanzo d'esordio di Celati "Comiche" (Quodlibet).

Nessun commento:

Posta un commento