venerdì 13 maggio 2016

Tutti i colpevoli di Giovanni Heidemberg (Enrico Damiani Editore). Intervento di Nunzio Festa


























Splende la decadenza morale, in buona sostanza le condizioni morali del popolo italiano, dell'ex Belpaese - sempre clerico-fascista seppur in forma (un po') rinnovata - di "Tutti i colpevoli". La storia di questo libro è comunque lunga; già nel 2005, per esempio infatti, col titolo "Ho ucciso un poeta" (catalogo Pequod) - questo thriller anzi spy story fu pubblicato ma subito messo da parte dall'Editore stesso. Mentre adesso torna in distribuzione, prima a capitoli sul sito della Enrico Damiani, e poi in forma volume nelle librerie. Tutti i personaggi del romanzo sono malati d'individualismo. Che spesso finisce nelle terre dell'egoismo. Perfino quando si pensa dietro alcune delle vicende che alimentano storie su storie hanno fini più alti. Però ripartiamo dall'autore. Dove Giovanni Heidemberg è pseudonimo che cela chi? Davvero una spia? Oppure semplicemente un investigatore privato? O, più semplice, uno scrittore alla Pinketts? Capirlo mai potremo, perché le informazioni del libro sono tantissime eppero innanzitutto, trovandoci difronte a un romanzo puro, di note bibliografiche e similari nisba. Heidemberg è comunque anche il personaggio intorno al quale sembra ruotare l'intera trama, apparentemente per caso. Ché Giovanni Heidemberg vorrebbe raccontaper per darci: "lo specchio della ridicola volontà di potenza che assilla i minuscoli titani del mio tempo senza più vigore né orgoglio". Da questo asssunto, una sfilata di tradimenti e colpi bassi. Il luogo-Italia è qui fatto ad ambientazione di vicissitudine tutte alla statunitense. Sebbene inganni e intrighi sono divenute nei secoli caratteristiche identitarie dell'Italietta appunto. Tant'è vero che alla base del libro è un memoir dell'autore dell'omicidio del nostro Pier Paolo Pasolini. All'epoca della prima edizione di Tutti i colpevoli, l'autore infatti già spiegava: "Per mio conto, ho svolto le mie indagini e ho avuto la chance di incontrare alcuni 'amici' di Pasolini che, magari senza volerlo, mi hanno detto più di quanto credevano. Il tutto è confluito nel libro". Fra terrorismo e fondamentalismo islamico. "Tutti si schermiscono e parlano di fiction, ma la fiction, come Pasolini ben sapeva e come il mio anonimo assassino memorialista scrive, è più vera di ogni incapacità, barrata dal pudore, dall'amore, dal rispetto, dalla mitizzazione, di raccontare una realtà che non si arriva a concepire perché non poeti", aggiungeva. Pasolini era per troppi da eliminare. All’inizio l’agente Heidemberg viene richiamato dalla Cia, dopo l’attentato alle Torri Gemelle, per un’operazione coperta che riguarda il terrorismo islamico, ma nel frattempo Heidemberg porta all’editore Deville il manoscritto d'un autore ignoto che racconta come ha ucciso Pasolini: "Chi ha ucciso il poeta". L’editore comincia a leggerlo e sotto i suoi occhi scorre la complicata vicenda italiana, con i suoi tanti e diversi intrecci. Con un Pasolini descritto con pregi e difetti.

Nessun commento:

Posta un commento