mercoledì 27 gennaio 2016

La notte di Milano sa essere buia, l’uomo cattivo, il destino crudele. Questo libro lo è ancora di più. “Milano disco inferno” di Riccardo Besola in libreria dal 28 gennaio per Novecento Editore
























In una sera d’estate del 1975 in una stamperia di vinili, l’operaio Mario Spitz incide un codice alfanumerico alla fine del solco di un disco. Un uomo al suo fianco lo osserva con attenzione. La piccola ditta è deserta, è l’orario di chiusura. Bruno Moriago, un collega di Spitz, entra nel locale, e da quel momento in poi le cose precipitano, stravolgendo il destino dei protagonisti. Qual è il significato del codice? Perché una banda criminale e alcuni poliziotti vogliono entrarne in possesso a ogni costo? La spasmodica ricerca del disco scatenerà un vero e proprio inferno. Scordatevi i buoni e i cattivi: è una caccia al tesoro in cui vince chi resta vivo.
Perché vale la pensa di leggere Milano disco inferno? Perché è un noir ambientato in una Milano degli anni Settanta incredibilmente attuale. Perché è una storia diversa. E come tutte le storie diverse ha qualcosa di eccezionale. Perché Riccardo Besola si conferma un autore abile, istintivo e con una scrittura pungente e diretta.
 COME COMINCIA - Mario Spitz era in piedi. Stava incurvato su di un disco in vinile fissato a uno strano ripiano. Nella mano destra stringeva un punteruolo molto affilato, poco meno di un bisturi. Una piastra di metallo era agganciata per il vertice a una robusta staffa che sormontava il vinile, e sorreggeva l’avambraccio con cui Mario Spitz stava incidendo. I suoi occhiali erano appesi a una catenella di plastica, prigionieri tra il bancale di lavoro e la stoffa blu del camice. Un monocolo, simile a quello che usano orafi e orologiai, era appoggiato, quasi incassato, al suo occhio sinistro. Una guaina leggermente consunta, di pelle, era calzata intorno alla lente circolare per facilitare l’aderenza all’orbita oculare. Il suo collo era piegato, la mano ferma e attenta.

Riccardo Besola è nato a Milano nel 1974. Lavora nel settore pubblicitario televisivo. Ha pubblicato Nera la notte (Rai Eri, 2011, vincitore del Premio NarreRai), Piombo, Mala Femmina e Al bar con le ragazze (Eclissi editrice 2011, 2012, 2014). Con Andrea Ferrari e Francesco Gallone ha scritto Operazione Madonnina, Operazione Rischiatutto e Il colosso di corso Lodi (Fratelli Frilli editore, 2013, 2014, 2015), oltre ai racconti presenti nelle antologie Un giorno a Milano, Una notte a Milano (editi in questa collana, 2013, 2014), e Giallo Metropoli (Piemme, 2015).

Nessun commento:

Posta un commento