lunedì 28 gennaio 2013

Nel vento di Emiliano Gucci (Feltrinelli). Intervento di Nunzio Festa




"Nel 1992 mio padre uccise mio fratello nella neve. Nel 2007 ho perso Caterina per sempre. Io per questi motivo corro". L'incipit infuocato, a dir poco lampante, del romanzo scritto dal libraio part-time toscano, Emiliano Gucci, attacco camusiano e decisivo, soccorre il titolo dell'opera, "Nel vento". E definitiva è la corsa del protagonista del libro. Alla stregua del colpo lanciato dal giudice di gara delle gare vitali del centometrista estraniato e gelido. Un centrometrista che vuole, dopo dolori immani e fortificanti assai, la gara perfetta: una vittoria nell'albo dell'eterno secondo; mentre scorrono nella testa fantasie che sono molto più lancinanti della realtà, addirittura. Il narratore autodiegetico del libro si concrentra e, allo stesso tempo, non evade che sui blocchi di partenza. Dai quali deve darsi lo slancio, per scappare. Perennemente. Correre via dal passato, in ogni caso. Ben conscio che sopravvive in un mondo di steroidi e altre sostanze stupefacenti - utili alla corsa sportiva. Ma, soprattutto, elementi che devono alimentare il fuoco delle scommesse clandestine e di tutto il resto del giro d'affari del suo sport. Tra falso e non vero. Mentre sa bene il protagonista di Nel vento, che l'irreale certo che ha in testa lo porta a citare i suoi avversari con nomi che non sono nomi. UNO, DUE, CINQUE. Persone identificate solamente con le postazioni che coprono in pista. Dove il pensiero del fratello morto ammazzato dal padre, crollato sulla neve fresca sotto i suoi occhi e l'abbandono senza remissioni di peccato dell'unico amore della sua vita, lo tengono in stato di sana pazzia. Davvero dunque "non ci si deve fermare a pensare". Gucci, autore tra le altre cose dell'indimenticato "Donne e topi" (Fazi), ha fatto proprio un "romanzo esistenzialista", come è stato definito dal concittadino e anche lui giovane scrittore, Vanni Santoni. La lingua è perfetta. Dalla quale, insomma, apprendiamo tutti i tormenti del protagonista del romanzo. Perché non ci si può inzuppare dell'acqua della pioggia che lo terrà sotto scacco. Ma uscendo da quella, riprendere l'ansia da 'prestazione' della voce. Nel vento abolisce la presenza dei riflettori. Che pur ci sono. Però li fa oggetto, al pari d'altri, della trama. Il discorso è attualissimo. Eppure stravolge le regole della modernità che vorrebbero confini netti tra i momenti della narrazione. Qui, infatti, il romanzo diventa imperdibile.






Nessun commento:

Posta un commento