sabato 30 luglio 2011

Ricadute esistenziali delle contingenze narrative di Antonio Pagliara (Lupo editore)












Dal curriculum di Ciccio Spina – habitué del bar Sguario e amico dell’insostituibile Marco Cazzafitta – alla sofisticata arte salentina dell’inzuppare il biscotto, dall’aneddoto all’antropologia, dalle divagazioni filosofiche tra “chiocciole intelligenti” ai polli londinesi, fino alle prose di viaggio (Iran, Colombia, Turchia), è una fantasmagoria di storie, leggende e incontri con varia umanità.
Le diverse anime di questi racconti sembrano obbedire alla bizzarria del caso e produrre la meraviglia di un incastro caleidoscopico, inseguendo per esili richiami una loro missione di scoperta. E se il severo giudizio del “Professore” ha piombato lo scrittore nel dubbio, resta pur sempre vero che l’accusa di qualunquismo nasce da un eccesso di sambuca, e che in fondo l’esistenza è fatta di contingenze…
Sta al lettore raccogliere la sfida e decidere che fare di queste ricadute: se ridere o sorridere, pensare, incantarsi, o semplicemente godersele.

Antonio Pagliara - E’ un docente mitomane di trenta e passa anni. Laureato in lettere, ha lavorato in Colombia e Iran, ora vive a Istanbul. Il suo precedente romanzo s’intitola drammaticamente Schioma.

Nessun commento:

Posta un commento