lunedì 5 luglio 2010

Scassata dentro di Enzo Mansueto (D'If edizioni). Intervento di Nunzio Festa





















La crosta dei componimenti di Mansueto è spaccata dal rumoreggiare del linguaggio. Tanto è vero che con “Scassata dentro”, in contemporanea, si devono accogliere i tormenti musicali de la Zona Braile; quelle, specifichiamo, vibrazioni di sottofondo che fanno da acqua che non scorre alle stesse poesie di Enzo Mansueto. Dunque, a me che ripudio Cccp e Csi, non fa forse piacere (se piacere davvero dovrebbe provocare). Però già in quella imitazione conosciamo mezzo timbro dell’autore. Ma sono le pagine, per fortuna – e non lo si legga da parziale stroncatura di quello che precede - , a presentare il vero volto del Mansueto. Che stiamo dando favori, in verità, all’autore. Il piccolo volume, curato attentamente dall’attenta e mobilissima Caridei, è appunto una delle pubblicazioni di Vico Lungo Gelso alla napoletana Toledo. Un miosotis. E’ già da qui si capisce che esiste una buona presentazione. Che la selezione è tanta, e ottima. La pelle dei versi di Enzo Mansueto è anticipata da una presentazione, baroccheggiante, che sa quasi d’altri tempi. Ma che nel contempo esprime parte delle belle capacità dell’autore pugliese. L’esteriorità dei versi, si diceva, è tutta sconquassata, d’uno sconquasso praticamente solitario, dalla volontà di dare forza e spiriti a un’attualità fatta e rifatta, strafatta. A leggere o ascoltare i moti della società nostrana. La lingua del poeta assume la forma del contrasto con la musicalità. Assurdo quanto vero. Perché deve reggere il primo scambio con l’interiorità dei versi stessi. E’ dalla posizione successiva, appunto, parte il reale senso involontariamente sinfonico ma volutamente in-fonetica dei testi. “Torniamo a casa stinti dall’inedia. / Nel cavo di una sedia. / Attorno al cavo cranio / un fascio di particole compone / un tronco senza nome. Il corpo estraneo”. Il filo da apprendere, per cominciare, dalle parole riportate è steso fino alla fine della raccolta. Sino a urtare il limite d’un esaurimento. Mansueto fa poesia estenuante. D’una efficacia tale da gridare all’autore provocatorio: che provoca applausi. Giusto, dunque, legge i versi del Mansueto in reading, performance varie. Ma magari senza rincorrere una sciocca emulazione dello scandire i versi eseguendo ritualità d’altri personaggi. Meglio far esprimere le stesse poesie senza imporre loro accenti parrocchiali.

Nessun commento:

Posta un commento